Lettera del Direttore del Torneo

Come potremo fare meglio? Pensavo a questo mentre festeggiavo insieme al mio staff la conclusione del 51° Torneo Avvenire, poco meno di un anno fa.

Felicità e soddisfazione. Non stavo provando soltanto questi due sentimenti. Già la mia mente desiderava proiettarsi oltre, tentando di fare un istantaneo balzo nel tempo, all’edizione numero 52.

Sognare è di fatto aprire la strada alla pianificazione. Immaginare è allungare la mano verso la volontà di migliorare, di progredire senza sosta. Ecco cosa mi spingeva appena finito un lungo lavoro a immergermi in un’altra visione, a spingere ancora più in avanti la mia ambizione.

Bisogna avere coraggio, soprattutto quando si pensa di aver fatto ogni cosa al meglio. Bisogna essere audaci nel proporre una costante innovazione, per evitare di cedere ai cliché, alle abitudini, a ciò che meglio si conosce.

Tanti giorni sono ormai passati. Pieni di impegno, di parole, di idee, di proposte, di piccole e grandi difficoltà. Un quotidiano spesso frenetico, in cui la cura del dettaglio è sempre rimasta al centro, perché nulla deve essere sottovalutato quando si vuole eccellere.

Il Torneo Avvenire merita il meglio. I giovani che da tutto il mondo portano la propria speranza di diventare grandi campioni sui campi del TC Ambrosiano, meritano il meglio.
Offrire loro un’opportunità è più di un dovere, è la prova che qualcuno crede ancora nei sogni delle nuove generazioni.

Per questa ragione ho formato uno staff straordinario. Un gruppo di persone le cui competenze si fondono alla perfezione con un’abnegazione fuori dal comune. Sono fortunato nell’averle al mio fianco, lavorare insieme a loro è per me un dono prezioso.

Abbiamo fatto meglio? È ancora presto per dirlo. Il 52° Torneo Avvenire si sta avvicinando velocemente. Tante sono le sorprese che abbiamo preparato, con in testa un solo pensiero: avvicinarci sempre più ai grandi tornei di tennis.

Quei tornei dove il pubblico riempie ogni campo con entusiasmo e passione. Anche noi abbiamo bisogno di tutti gli appassionati. Di chi ama il tennis e magari vuole provare a indovinare il futuro campione, il prodigio dal talento splendente.

Venite a trovarci, esprimendo il nostro stesso coraggio, nel dare fiducia a qualcosa di apparentemente piccolo, che invece cela dentro di sé una grandezza tennistica di sicuro Avvenire.

Andrea Villa
Tournament Director del 52° Torneo Avvenire